Alopecia-uomo

La mesoterapia per capelli: come funziona?

Quando si parla di capelli, ognuno vive esperienze proprie, questo accade per diversi motivi. Infatti, calvizie o capelli radi possono essere causati sia dallo stress che dagli ormoni. Possono anche essere dovuti a una gravdanza, alla stanchezza, a una carenza o semplicemente può trattarsi di un fattore ereditario. La mesopecia o mesoterapia del cuoio capelluto è destinata a risolvere questi problemi. Tuttavia, per comprendere ciò che la mesopecia può apportare, scopri il principio della mesoterapia.


La mesoterapia nel suo complesso

Fu nel 1952 che la mesoterapia venne creata grazie all’iniziativa del dottor Pistor. Il Dott. Pistor sviluppò una pratica per iniettare il farmaco sotto la pelle, direttamente nella zona da trattare.

Questa tecnica aumenta l’efficacia del prodotto usato e, soprattutto, richiede l’uso di una quantità minima. Tuttavia, per aspettarsi dei risultati concreti, l’operazione deve essere ripetuta in diverse sessioni. Va notato che individuando la fonte dei disturbi e somministrando la cura direttamente nella zona senza passare attraverso il sangue, i suoi effetti indesiderati sono ridotti. Quest’ultimi vengono anche azzerati in numerosi casi.

Ora, i medici, gli sportivi professionisti e la medicina estetica si sono impadroniti della mesoterapia. Serve a combattere i problemi dei capelli.

 

Mesoterapia: delle iniezioni per i capelli

Caduta, crescita lenta, calvizia o disidratazione… i problemi che possono esperimentare i capelli sono numerosi. Grazie alla mesoterapia capillare, questi problemi sono risolti rapidamente. Riprendendo le basi della mesoterapia, la mesopecia consiste in iniezioni di prodotti sulla o sulle parti da trattare.

La composizione della soluzione può variare, ma di solito contiene vitamine, zinco, antiossidanti e amminoacidi. Il professionista può prepare questo mix da solo, ma è anche possibile acquistarlo pronto per l’uso. Questo è il caso di Revitacare Haircare disponibile presso Centrale Fillers.

Il trattamento di mesoterapia per capelli normalmente comporta un colloquio e una diagnosi del professionista. Lo specialista determina la durata, il contenuto e le eventuali controindicazioni. Infatti, è possibile che una persona non possa prestarsi a microiniezioni. Se, dopo il colloquio preliminare, non vengono rilevati problemi, le sessioni possono essere avviate. Per ottenere risultati tangibili sono indispensabili, come minimo, 4 sessioni a intervalli di 2 settimane.

Per dei cambiamenti rapidi, il professionista può finalizzare ogni procedura con una fotomodulazione con lampada LED. Questo trattamento rallenta la perdita di capelli promuovendo la crescita e la vitalità dei capelli. Concretamente, una volta che le sessioni sono finite, i capelli diventano più folti. Questo è il risultato finale che la maggior parte dei pazienti desidera ottenere ricorrendo alla mesopecia.

 

Mesoterapia per capelli: preparazione e controindicazioni

La Mesopecia è adatta agli uomini così come alle donne. Tuttavia, alcune categorie di persone non possono ricorrervi, da qui l’importanza del dialogo pre-sessione con il professionista. La mesoterapia per i capelli è, ad esempio, controindicata in caso di lesioni al cuoio capelluto o della zona da trattare. Inoltre, la mesopecia ovviamente non è adatta alle persone allergiche alle soluzioni da iniettare.

Se si ottiene l’approvazione del medico, si dovrebbe prestare attenzione ad alcuni punti, tra cui evitare qualsiasi farmaco o sostanza che possa fluidificare il sangue. È anche preferibile non eseguire una tinta o colorazione prima e dopo le sessioni per prevenire una potenziale pigmentazione del cuoio capelluto. Inoltre, anche se lavare i capelli è allettante, è necessario evitare lo shampoo in modo da non interferire con il processo d’assorbimento dei componenti del prodotto iniettato.

In ogni caso, il professionista definisce tutte le istruzioni e le precauzioni durante il primo colloquio. Lo stesso vale per la durata e i tempi di pausa da seguire durante il trattamento.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *